Il Presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite in visita a Cuba

El presidente de la Asamblea General de la ONU, Dennis Francis
Print Friendly, PDF & Email

Il Presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Dennis Francis, arriverà oggi a Cuba con un’agenda di ampio respiro che prevede incontri con leader di alto livello del Paese caraibico e con rappresentanti della società civile.

Secondo il programma annunciato dal suo ufficio, il diplomatico incontrerà il presidente Miguel Díaz-Canel, il ministro degli Esteri Bruno Rodríguez e il viceministro della Sanità pubblica Tania Margarita Cruz.

Incontrerà anche il Coordinatore residente delle Nazioni Unite a Cuba, Francisco Pichón, e altri membri del Country Team delle Nazioni Unite a Cuba, oltre a rappresentanti della Federazione delle donne cubane.

L’itinerario prevede anche una conferenza magistrale presso l’Aula Magna dell’Università dell’Avana sul tema Cuba e il multilateralismo: opportunità e sfide, con la partecipazione di funzionari governativi, membri della comunità diplomatica, rappresentanti dei giovani, donne leader e accademici.

La visita, che si protrarrà fino al 29 giugno, esaminerà l’importanza di promuovere la pace, il progresso, la prosperità e la sostenibilità per tutti, ponendo l’accento sul rafforzamento del multilateralismo.

Verranno inoltre evidenziati i progressi e il contributo di Cuba al multilateralismo e alla cooperazione internazionale, le sfide regionali e globali in corso e l’impegno attivo del Paese nelle Nazioni Unite.

Francesco, originario di Trinidad e Tobago, ha assunto la presidenza della 78ª Assemblea generale nel settembre 2023 con il tema Ricostruire la fiducia e riaccendere la solidarietà globale: accelerare l’azione sull’Agenda 2030 e i suoi Obiettivi di sviluppo sostenibile verso pace, prosperità, progresso e sostenibilità.

Il diplomatico di lungo corso ha anche annunciato tra le sue priorità la spinta all’istruzione come diritto universale.

“Quando la comunità internazionale rimanda o rifiuta di offrire il proprio sostegno ai milioni di persone che non hanno accesso a un’istruzione di qualità, non li sta forse condannando a un ciclo intergenerazionale di povertà, degrado e miseria?

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...