L’eredità di Carlos Puebla attraverso alcune delle sue canzoni

Print Friendly, PDF & Email

Il 12 luglio è ricorso un altro anniversario della scomparsa fisica di Carlos Puebla, un cantautore cubano considerato un cronista musicale della storia del Paese dal 1959.

Le sue melodie e i suoi testi ritraevano l’epoca in cui viveva e il rivoluzionario fervore trasformativo è evidente nelle sue canzoni. Puebla, compositore, chitarrista e cantante cubano, è diventato molto famoso per la sua canzone dedicata a Ernesto Che Guevara.

Di nome Carlos Manuel Puebla Concha, il creatore è nato nella città di Manzanillo, a est dell’Avana, l’11 settembre 1917. Puebla è stato autodidatta, anche se ha studiato all’allora Seminario de Música Popular, diretto dal pianista e musicologo Odilio Urfé.

Ha iniziato la sua carriera professionale molto presto, nel 1931, cantando alla stazione radio CMKM della sua città natale. Si è poi trasferito a Matanzas, a est dell’Avana, per unirsi a un trio che si esibiva alla radio locale.

Tra le sue realizzazioni c’è stato il secondo premio al popolare programma La Corte Suprema del Arte. L’eredità musicale di Puebla ha lasciato una serie di canzoni, tra cui le seguenti.

Hasta siempre

“Hasta siempre” diventa un inno a Ernesto Guevara. In versi iconici, Puebla ha mostrato i sentimenti di molti nei confronti del compianto guerrigliero combattente internazionalista.

Aquí se queda la clara/ la entrañable transparencia/ de tu querida presencia/ Comandante Ché Guevara”, sono probabilmente i versi più noti dell’autore cubano.

Y en eso llegó Fidel

Questa canzone parla del processo di riforme rivoluzionarie dopo il trionfo del 1959. In alcuni versi, il cantautore riassume con la tipica malizia dei cubani le prime azioni del nuovo governo dopo il rovesciamento della dittatura di Fulgencio Batista. L’abbassamento dei prezzi dell’affitto delle case, la nazionalizzazione delle imprese e la riforma agraria, che ha dato la terra ai contadini a scapito delle imprese transnazionali.

De Cuba traigo un cantar

Qui Puebla parla delle caratteristiche fondamentali dell’Isola e dei suoi abitanti. Egli mette in evidenza il volto del Paese e come esso si trasforma in speranza per gli altri popoli.

Canto a Camilo

 

Camilo Cienfuegosè stato un altro dei personaggi fondamentali della Rivoluzione cubana. Amico inseparabile del Che, la sua scomparsa fisica è avvenuta nello stesso anno in cui la dittatura di Batista è stata rovesciata. Per questo motivo, Puebla gli ha dedicato una canzone, catalogata come “il sorriso del popolo” per la sua immensa gioia e l’affetto dei cubani verso questo combattente.

Cuba no está sola

 

Questo pezzo tratta dei tipici processi di isolamento che paesi come gli Stati Uniti utilizzano per isolare Cuba dal resto del mondo con misure coercitive unilaterali. Tuttavia, il cantautore parla di come l’isola non sia sola.

Carlos Puebla. Altri brani musicali

Carlos Puebla ha portato la sua arte in decine di paesi in Europa, Asia e America, ricevendo il plauso del pubblico che riempiva le sale dei suoi concerti. La sua musica fa parte della colonna sonora di diversi film famosi realizzati da registi di levatura universale.

Traduzione: italiacuba.it

Fonte

Potrebbero interessarti anche...